Alcuni operatori della Fondazione in questi giorni sono a Pinzolo (TN) per il XXIII Congresso Nazionale per Infermieri, appuntamento fisso di ogni anno.

Patrocinato da Associazione Italiana di Psicogeriatria, Associazione Italiana Terapisti Occupazionali, Associazione Nazionale Educatori Professionali, Ordine delle Professioni Infermieristiche di Trento, Società Italiana di Gerontologia e Geriatria, Società tecnico scientifica Italiana di Terapia Occupazionale, Scuola Universitaria Professionale Svizzera Italiana, questo convegno è ogni anno occasione di incontro e formazione tra professionisti e appassionati del settore.

Tema di quest’anno: Le fragilità dell’anziano al centro della cura nei servizi.

Numerosi gli esperti a livello nazionale che interverranno all’evento. Tra questi: Marco Trabucchi (Brescia), Edoardo Manzoni (Bergamo), Paolo F. Putzu (Cagliari), Simone Franzoni (Brescia), Ermellina Zanetti (Brescia), Angelo Bianchetti (Brescia), Federica Gottardi (Bergamo), Luca Rozzini (Brescia), Antonio Guaita (Abbiategrasso), Maria Mastella e Marinella Martini (San Bonifacio), Silvia Vettor (Treviso), Alberto Cester (Dolo), Michele Zani (Lumezzane), Renzo Rozzini (Brescia). Molti altri professionisti hanno animato le tavole rotonde portando la loro esperienza quotidiana all’interno dei servizi.

La dr.ssa Gottardi, neuropsicologa della Fondazione Cardinal Gusmini che si occupa delle valutazioni neuropsicologiche in ambulatorio CDCD ed è coordinatrice del nostro Cafè Alzheimer,  ha condotto un intervento dal tema: “Le terapie non farmacologiche”.

Alla tavola rotonda del 3 ottobre 2019, moderata dalla dr.ssa Melania Cappuccio (direzione sanitaria della Fondazione Cardinal Gusmini) e dal collega Gabriele Noro (Trento), il tema: “La persona con dolore: la cura nelle diverse condizioni cliniche”.

La dr.ssa Cinzia Zaninoni (direzione sociosanitaria della Fondazione Cardinal Gusmini) ha partecipato, insieme ad altri professionisti, alla tavola rotonda del 4 ottobre dal tema: “La persona con demenza: una visione multiprofessionale”.

Tra i temi principali affrontati i percorsi di cura per la persona con demenza, l’importanza dell’approccio multidisciplinare, la solitudine (dell’anziano a casa, dell’anziano in ospedale, dell’anziano nelle residenze per anziani e degli operatori sanitari).

Cosa hanno “portato a casa” i nostri operatori da questo momento formativo? Abbiamo chiesto a loro di riassumere le impressioni, a caldo.

Ecco le loro parole.

Mi sarebbe piaciuto che ci fossero più interventi condotti da infermieri. C’è ancora molto da fare nel nostro lavoro, per migliorare e crescere.

Felicità, positività, cultura, competenza e forte motivazione

 

La formazione per gli operatori socio-sanitari, oltre ad essere un obbligo normativo di aggiornamento continuo, è una potenziale occasione di incontro, di scambio e crescita. È un ottimo metodo per recuperare le forze e far crescere la motivazione, oltre ovviamente ad apprendere nozioni e prassi operative all’avanguardia. Ma è anche la possibilità di “infilare le gambe sotto allo stesso tavolo” per professionisti abituati a correre indaffarati ogni giorno, ognuno con i propri ruoli e professionalità: condividere momenti di convivialità tra noi, incontrare e conoscere professionisti che lavorano in altri servizi, crea un’atmosfera positiva di comunione e di rinforzo delle proprie aspirazioni.

Questo è quello che mettiamo nel nostro bagaglio ogni volta in cui abbiamo la possibilità di partecipare a corsi di formazione innovativi e stimolanti, come da sempre è per il Congresso Nazionale Infermieri. Si torna a casa con un nuovo slancio vitale: questo ci permette di alimentare ed investire quotidianamente sulle nostre pratiche operative. E fare quindi meglio il nostro lavoro.

Ecco perchè la formazione è fondamentale in sanità: matura competenze nuove, sviluppa interessi, recupera energie e risorse proprie e del gruppo di lavoro, fa nascere relazioni e incontri, genera innovazione.

E allora… buon rientro agli operatori della Fondazione! E buon lavoro a tutti!

Pubblicato in Comunicazioni, Convegni